Asimmetrie degli arti superiori e inferiori

Avere una gamba più lunga dell’altra è possibile? Se sì, quanto può essere dannoso per la salute articolare?

Quanto segue è il sunto di una tesi compilativa elaborata dal sottoscritto ed esposta presso l’Università degli Studi di Torino (Unito) per la laurea triennale in Scienze Motorie e Sportive. Buona lettura.

Leg length discrepancy / leg length inequality

Effettivamente sì, la differenza di lunghezza fra le gambe non è qualcosa di raro. Una differenza di lunghezza fra l’arto inferiore destro e sinistro, talvolta è stata associata ad un maggior rischio infortuni. Nel 1992 McCaw [1] notò una differenza nell’impatto del piede dell’arto più lungo, però senza dare per scontato che ciò portasse necessariamente a delle lesioni. Dieci anni prima, Friberg aveva dedotto il contrario interpretando i dati di uno studio epidemiologico condotto su alcune reclute militari [2]. Ma appena prima di McCaw (1991), Messier e coleghi non avevano osservato alcuna correlazione fra eventuali asimmetrie – in lunghezza – degli arti inferiori e dolori patello femorali [3]. Ci sono studi che avallano la tesi di Friberg (1982) ed altri ancora che la confutano.

Una lieve “leg length discrepancy” (o “leg length inequality”) pare essere fisiologica, ha affermato ciò una review del 2005 [4] che ha messo in evidenza come la maggior parte delle persone abbiano una differenza di lunghezza negli arti inferiori di circa 5,2 mm.

Leg length inequality (LLI) media della popolazione (Gary A. Knutson, 2005)

Va però specificato che i test utilizzati per stabilire l’entità di una possibile LLI/LLD sono spesso imprecisi, hanno un discreto margine d’errore, sia in forma supina (paziente pancia all’aria su un lettino) che prona (paziente a pancia in giù) [5]. Pertanto certi discorsi più che ipotesi scientifiche sono ascrivibili alla categoria delle congetture.

Test supino a sinistra, e test prono a destra (Cooperstein R. et al., 2017)

Infatti, facendo una breve ricerca nella letteratura scientifica possiamo inbatterci in studi inerenti la leg length discrepancy (LLD) o leg length inequality (LLI) che sostengono tutto e il contrario di tutto. Dagli studi che correlano questa condizione ad una postura errata, scoliosi, lombalgia, artrosi dell’anca, peggioramento dell’artrosi del ginocchio, fratture, ecc., a quelli che smentiscono un qualsiasi legame [6,7,8,9]. La letteratura a nostra disposizione è molto contraddittoria, non ci sono evidenze solide riguardanti un rapporto di causalità fra le asimmetrie di questo tipo e degli infortuni.

Sempre riguardo alla differenza di lunghezza, la stragrande maggioranza di casi di LLI si ha in un range molto basso (dagli zero ai 5 millimetri). Asimmetrie un po’ più nette rappresentano una minoranza di casi (Gary A. Knutson, 2005)
Asimmetrie degli arti superiori

Una differente tensione ed utilizzo dell’arto dominante può far sì che si sviluppi nel tempo una asimmetria corporea, detta direzionale, fra i due lati del corpo. Il maggior carico di lavoro meccanico può innescare dei meccanismi di rinforzo osseo ad opera degli osteoblasti atti ad aumentare la densità ossea [10]. Questo discorso dell’asimmetria direzionale vale soprattutto per l’upper body, dato che gli arti superiori sono più esposti all’utilizzo selettivo dell’arto dominante rispetto a quelli inferiori (lower body) [11,12]. Queste asimmetrie direzionali sono state notate principalmente nell’omero, nella clavicola, e scendendo un po’, anche nell’osso sacro [13,14].

Occorre però fare una distinzione fra la preferenza laterale, detta anche lateralità, e la presenza di un arto dominante sull’altro (quindi più forte). Lake et al. e gli studi di Newton et al. [15,16] non hanno osservato significative asimmetrie fra gli arti negli esercizi bipodalici, ad esempio il back squat, discorso differente per quelli monopodalici. In ogni test si evidenziavano prestazioni dissimili fra l’arto dominante, spesso coincidente con quello “preferito”, e non dominante (forza di reazione a terra, altezza di salto, distanza di salto).

Va specificato che non necessariamente gli arti preferiti, superiore e inferiore, sono collocati nello stesso lato. Ad esempio, una persona può benissimo avere una preferenza laterale per il braccio destro e per la gamba sinistra. Secondo quello che è attualmente lo stato dell’arte, circa il 90% delle persone hanno una preferenza laterale per la mano destra e solamente il 25-45% per la gamba destra [17].

In ogni caso, non è del tutto chiaro se dominio e/o preferenza laterale possano causare problematiche di natura muscolo-scheletrica [18].

Grazie per l’attenzione.

.

.

L’articolo ti è piaciuto? Seguici su Facebook e Instagram!

.

.

Referenze

[1] McCaw S. T. – Leg length inequality. Implications for running injury prevention (1992)

[2] Friberg O. – Leg length asymmetry in stress fractures (1982)

[3] Messier et al. – Etiologic factors associated with patellofemoral pain in runners (1991)

[4] Knutson A. G. – Anatomic and functional leg-length inequality: A review and recommendation for clinical decision-making. Part I, anatomic leg-length inequality: prevalence, magnitude, effects and clinical significance (2005)

[5] Cooperstein R. – Comparison of Supine and Prone Methods of Leg Length Inequality Assessment (2017)

[6] Rauh M. J. – Leg-length inequality and running-related injury among high-school runners (2018)

[7] Gurney B. – Leg length discrepancy (2002)

[8] Rothenberg R. J. – Rheumatic disease aspects of leg length inequality (1988)

[9] Resende R. A. et al. – Mild leg length discrepancy affects lower limbs, pelvis and trunk biomechanics of individuals with knee osteoarthritis during gait (2016)

[10] Steele J. et al. – Handedness and directional asymmetry in the long bones of the human upper limb (1995)

[11] Hiramoto Y. – Right-left differences in the lengths of human arm and leg bones (1993)

[12] Plochocki J. H. – Bilateral variation in limb articular surface dimensions (2004)

[13] Mays S. et al. – Directional asymmetry in the human clavicle (1999)

[14] Plochocki J. H. – Directional bilateral asymmetry in human sacral morphology (2002)

[15] Lake J. P. et al. – Does side dominance affect the symmetry of barbell end kinematics during lower-body resistance exercise? (2011)

[16] Newton R. U. et al. – Determination of functional strength imbalance of the lower extremities (2006)

[17] Cuk T. et al. – Lateral asymmetry of human long bones (2001)

[18] McGrath T. M. et al. –The effect of limb dominance on lower limb functional performance – a systematic review (2016)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...